Pasto

al

buio.

Richiesta

Un pasto al buio all'Ansitz
Plantitscherhof a Merano

Un'esperienza per tutti i sensi

Gustare il cibo in modo diverso al Plantitscherhof

Il “pasto al buio” suona come un emozionante esperimento? Al Plantitscherhof lo mettiamo in pratica! Due volte l’anno avete la possibilità di partecipare. Un’esperienza per tutti i sensi, durante la quale imparerete a conoscere odori e aromi in una maniera del tutto nuova.

Il menù? Un segreto ben custodito che toccherà a voi scoprire. Il tutto sarà accompagnato da un aperitivo e da un bicchiere di vino da degustare al buio. Naturalmente offriamo anche dei menù vegetariani!

Fino a 30 persone possono partecipare al “pasto al buio” qui a Merano. Il servizio ai tavoli è curato esclusivamente da camerieri non vedenti.

L’esperienza

Si mangia anche con gli occhi - ma cosa succede se non è così? Lo scoprirete durante il “pasto al buio” qui in Alto Adige. Concentratevi sui vostri sensi e lasciatevi coinvolgere da questa nuova esperienza. Un’occasione unica per assaporare appieno aromi e sapori!

Inoltre non manca l’aspetto sociale: Durante conversazioni con persone che (probabilmente) non avete mai visto parlerete di argomenti veramente interessanti.

Contattate la nostra reception, via email o telefono, per sapere quando si terrà il prossimo “pasto al buio” - potrete partecipare a un costo di 89€ a persona.

Document

Nuovi impulsi

per il vostro

gusto.

PRIMA DI TUTTO É ESSENZIALE CHE I PIATTI ABBIANO UN BUON SAPORE. MA PER ME É DI FONDAMENTALE IMPORTANZA CHE I PIATTI SIANO EQUILIBRATI E GENUINI. PERCHÉ L’UNO NON ESCLUDE L’ALTRO.

Norbert Hanifle

Pacchetti per le vostre vacanze.

Unico.Particolare.Incantevole. Creati per voi.

Novitá & Curiositá.

Rimanete sempre aggiornati.

 

 

Una casa nella quale vive la famiglia Gufler, ma anche un luogo dove ospiti e dipendenti riescono a sentire la sensazione del focolare piú che di un hotel.

Tutto è iniziato 700 anni fá, nel 13esimo, quando l´Ansitz Plantitscherhof fu menzionato per la prima volta nei documenti “come vigneto nel Plantiz”.

Ma la storia del nome è molto piú che un luogo. È la storia di una famiglia che negli anni ha curato e rinnovato l´edificio con amore e passione.